Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
18 giugno 2010 5 18 /06 /giugno /2010 17:21

band colonnaL’INQUINAMENTO Preliminarmente, vorrei, ancora una volta ribadire, che la formazione che offre la Scuola Allievi Agenti di Piacenza è di sicura eccellenza e non viene messa in discussione. Del resto, questo sindacato, piu’ di tanti altri, quando la scuola stava chiudendo, ha lottato con tutti i mezzi possibili, affinchè l’istituto d’istruzione rimanesse aperto, e così è stato. Però una domanda è d’obbligo: cosa è successo da quando è iniziato l’ultimo corso di formazione ? Con provvedimenti, che a volte hanno rasentato il ridicolo, tentano quotidianamente che NON avvenga confronto/dialogo tra gli Allievi Agenti e i vari operatori delle volanti che vantano anni e anni di servizio in prima linea con sacrificio , abnegazione e alta professionalità. In sostanza, ed è logico che avvenga, molti Allievi Agenti, quando capita a loro l’occasione per poter discutere con un operatore che svolge un servizio operativo, chiedono informazioni su come questo avvenga, quale è la realtà dei fatti, quanto è utile tutto ciò che si fa nel corso di Polizia ecc…. La risposta, non può che essere sempre la stessa: che la formazione è necessaria – del resto esiste nel percorso professionale anche l’aggiornamento professionale - , che bisogna studiare quanto più possibile , che i bellissimi momenti che si vivono durante il corso sono irripetibili ma, ed è vero, che imparare ad essere un operatore di Polizia, non c’è corso di formazione che tenga, perché la realtà ti segna giorno per giorno, che ogni intervento, anche effettuato per lo stesso motivo, è sempre diverso da quello precedente, che molte volte tutto ciò che hai imparato non è applicabile, che in ogni ufficio operativo della Polizia si adottano metodi diversi, che è la strada che ti insegna e che dopo anni e anni di servizio non hai mai imparato abbastanza , ma che quello che imparerai durante il corso, anche ciò che mai applicherai, è necessario che tu lo impari al meglio. Aggiungeremmo solo che è proprio questo confronto, questo dialogo, questa democrazia tra i colleghi e i “futuri colleghi”, questo continuo cimento tra teoria pura e “teoria della prassi” il sale che può suscitare il dubbio professionale, il quesito che ti aiuta ad imparare e migliorare verso un risultato operativo migliore. Tutto ciò, aimè, da fastidio. Ma perché da fastidio ciò che un collega, prima o poi, lo vuoi o non lo vuoi, te lo dirà e lo capirà da solo??? Pare apprendere, che taluni, per fortuna pochissimi, devono difendere il loro status di “divinità” e che ogni allievo, deve pendere esclusivamente dalle loro labbra. Ebbene, oggi , con questo documento, cose logiche ed elementari, le voglio dire io, con la speranza, se qualcuno ne ha il coraggio, di farsi avanti e proporsi in un dibattito pubblico. Chi scrive, ha effettuato servizio presso la Scuola Allievi Agenti come istruttore-formatore e ne conosce l’importanza della formazione che, lo ripeto, la scuola di Piacenza offre con elevate serietà e competenza. Ma è giunta l’ora, che certi pruriti inutili, che hanno umiliato, si umiliato, gli operatori delle volanti, che si sono visti trasferire le camerate da un’ala ottimale ad una fatiscente con motivazioni che mi hanno letteralmente fatto ridere a crepapelle; che hanno fatto si che gli operatori delle volanti, e tanti altri, non utilizzassero più la palestra – tirando fuori una circolare che prima, sino all’arrivo degli allievi, non era applicata; che hanno visto assumere determinazioni che rendono difficile l’accesso alla scuola e tanti ma tanti altri motivi che adesso non sono più disposto a tollerare. E tutto ciò avviene, aimè, mentre al fine scoprire qualcuno che ha commesso un atto , certamente da censurare- da condannare - , si assumono azioni che vanno letteralmente contro lo spirito di formazione e contro le Leggi dello Stato Italiano che ogni Poliziotto, ad ogni livello, deve rispettare con puntualità.( su questo punto seguirà un ulteriore comunicato) Vorrei non dover più intervenire ma a quanto sembra tutto quello che abbiamo acquisito, ad anni di distanza dalla Riforma e qui a Piacenza, deve essere ancora sostenuto perché sembra bastare ancora molto poco perché venga messo in discussione, archiviato con tecniche puerilmente “militaresche”, da “cittadella assediata” che producono solo isolamento, chiusura mentre la democrazia e il diritto che si dovrebbero invece praticare produrrebbero discussione anche fuori dai momenti ufficiali dell’aula, apertura, miglioramento umano e crescita culturale. A proposito, per il giuramento, per salutare gli Allievi e i loro famigliari, il SIAP, sarà presente in massa!!!!!! Saluteremo loro con tanto affetto, ma dialogheremo con tutti!!!!! Il Segretario Generale provinciale SIAP Sandro Chiaravalloti

Condividi post

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : SIAP PIACENZA
  • SIAP PIACENZA
  • : SINDACATO ITALIANO APPARTENENTI POLIZIA: IL SINDACATO DELLE POLIZIOTTE E DEI POLIZIOTTI
  • Contatti

Profilo

  • Siap Piacenza - Sindacato Polizia -
  • SINDACATO ITALIANO APPARTENENTI POLIZIA
SEGRETERIA PROVINCIALE DI
PIACENZA
  • SINDACATO ITALIANO APPARTENENTI POLIZIA SEGRETERIA PROVINCIALE DI PIACENZA

Archivi