Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
8 gennaio 2015 4 08 /01 /gennaio /2015 22:32
MABJ BOSCO

MABJ BOSCO

Ciao Mabj Bosco

Domani effettueremo la cena di saluto con una partecipazione impressionante dei colleghi con coniuge e compagni/e e non mancheranno i figli : e questo penso sia il modo migliore , per tutti i colleghi, per dirti grazie della Tua semplicità , della tua umanità che ho potuto constatare quando ti ho vista piangere per i colleghi, quando ti ho vista soffrire se un collega stava male . Che strano, io difensore dei diritti dei colleghi, come un leone inferocito quando questi vengono lesi , con Te ho dovuto fare interventi sindacali tesi quasi a criticare la tua illimitata democrazia e la Tua illimitata umanità. Scusami Mabj se mi sono permesso di dire pubblicamente alcune cose , ma credo che tantissimi colleghi vogliono che sia detto quello che per ogni poliziotto appare impossibile trovare in un ambiente lavorativo che ti segna . So che vai via perché hai scelto la famiglia alla carriera – anche in questo sei rara - , anteponendo il figlio , il prossimo figlio che sta crescendo in Te – auguri anche per questo - , il marito e quel pazzo cane che ho sempre fatto finta di detestare per gioco . Ci mancherà la Tua semplicità, ci mancherà la tua umanità, ci mancherà la Tua professionalità, ci mancherai e sinceramente spero che ti mancheremo anche noi. Buona Fortuna Mabj Bosco Ti chiedo scusa per averti dato del Tu, ma penso sia il modo migliore per salutarti calorosamente a nome di tutto il Siap Piacentino.

Il Segretario Generale provinciale SIAP

Sandro Chiaravalloti

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
12 dicembre 2014 5 12 /12 /dicembre /2014 17:42

3Ciò che diciamo di fare, lo facciamo sempre. LA commissione  della Presidenza del Consiglio dei Ministri    accoglie il ricorso del Segretario Generale Siap di Piacenza Sandro Chiaravalloti  ( allegato 1 ) il quale aveva effettuato ricorso a seguito di diniego dell’accesso agli atti amministrativi da parte del Questore di Piacenza Calogero Germanà . Atti determinanti per l’attività sindacale a tutela dei diritti dei lavoratori . Ancora una volta il Siap fa valere le sue ragioni e fa emergere quanto siano fondate le giuste rivendicazioni e proteste su un sistema gestionale che lede permanentemente i diritti e le norme contrattuali in un Ufficio importate come una Questura dove il rispetto delle norme e delle garanzie democratiche dovrebbero essere il pane quotidiano. Va ricordato che il siap Piacentino, attraverso il suo Segretario Chiaravalloti, aveva già avviato una azione legale presso il tribunale di Piacenza – sezione lavoro – e come anche in quell’occasione le ragioni del Siap sono state avallate dal Giudice , così come anche lo Stesso dipartimento di Polizia, attraverso l’ufficio relazioni sindacali, ha più volte dato ragione alle lagnanze sindacali. Purtroppo , nonostante questo, continuiamo a registrare una condotta di totale menefreghismo -  al limite del disprezzo – nei confronti del sindacato che, oltre ad aver ottenuto un duro intervento dal Siap Nazionale ( allegato 2 ) ,  nel prossimo futuro ci costringerà a porre in essere  nuove proteste pubbliche ed eclatanti  e nuove e necessarie azioni legali nei confronti del Ministro degli Interni e del Capo della Polizia dei quali ci aspettiamo autorevoli,  urgenti determinazioni che mettano fine a ciò che definiamo uno scempio delle leggi che regolano l’attività sindacale e i diritti dei lavoratori.   Tutto questo deve far riflettere con quanta responsabilità viene gestita dal questore Germanà la Questura di Piacenza e quanto tutto ciò inficia negativamente  sul servizio nei confronti del cittadino sempre più esigente e sempre più insicuro in una città che un tempo veniva considerata isola felice.

 

 

Il Segretario Generale provinciale SIAP

 

Sandro Chiaravalloti

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
9 dicembre 2014 2 09 /12 /dicembre /2014 17:58

downloadmentre ci tolgono risorse , mezzi, uomini e presidi di Polizia, mentre si vuole il numero identificativo sulle divise dei polizioliziotti, mentre si accoglie tutti e tutto , mentre siamo da soli in strada a cercare di garantire sicurezza ai nostri cittadini, mentre siamo in mezzo tra i palazzi del governo e i manifestanti per tenere a bada questi ultimi affinchè non prendano a pedate chi sta nei palazzi , i nostri politici che fanno?  Il Consiglio dei Ministri ha varato, in notturna, il testo del Decreto legislativo di attuazione della Legge delega 67/2014 che prevede, di fatto,la cancellazione, ma loro preferiscono chiamarla depenalizzazione, di alcuni reati definiti lievi. Tra questi, solo per citarne alcuni, la truffa, l’istigazione a delinquere, l’evasione,l’omicidio colposo, il furto, la malversazione ai danni dello Stato ecc.

Ecco quello che dovrebbe essere (usiamo il condizionale sperando vivamente che la lista non sia confermata) l'elenco dei reati con relativo articolo del codice penale:

- Abbandono di persone minori o incapaci – art.591 c.p. co.1

- Abusivo esercizio di una professione – art.348

- Abuso dei mezzi di correzione o di disciplina – art.571 c.p.

- Abuso d’ufficio – art.323 c.p.

- Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico – art.615 ter

- Arbitraria invasione e occupazione di aziende agricole o industriali .Sabotaggio – art.508 c.p.

- Adulterazione o contraffazione di cose in danno della pubblica salute – art.441 c.p.

- Appropriazione indebita – art.646 c.p.

- Arresto illegale – art.606 c.p.

- Assistenza agli associati (anche mafiosi) – art.418 co.1 c.p.

- Attentato a impianti di pubblica utilità – art.420 c.p.

- Attentati alla sicurezza dei trasporti – art.432 c.p.

- Atti osceni – art.527 c.p.

- Atti persecutori (stalking) – art.612 bis co.1

- Commercio o somministrazione di medicinali guasti – art.443 c.p.

- Commercio di sostanze alimentari nocive – art.444 c.p.

- Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari – art.517 quater

- Corruzione di minorenne – art.609 quinquies co.1 c.p.

- Crollo di costruzioni o altri disastri dolosi – art.434 co.1 c.p.

- Corruzione – art-318 c.p.

- Danneggiamento – art.635 c.p.

- Danneggiamento a seguito d’incendio – art.423 c.p.

- Danneggiamento seguito da inondazione,frana valanga – art.427 co.1 c.p.

- Danneggiamento di informazioni e programmi informatici – art.635 bis c.p.

- Danneggiamento di sistemi informatici o telematici – art.635 quater c.p.

- Detenzione di materiale pornografico – art.600 quater c.p.

- Deviazione di acque e modifiche dello stato dei luoghi – art.632 c.p.

- Diffamazione – art. 595 c.p.

- Divieto di combattimento tra animali – art.544 quinquies

- Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza – artt.392-393 c.p.

- Evasione – art 385 c.p.

- Fabbricazione o detenzione di materie esplodenti – art.435 c.p.

- False informazioni al P.M. – art.371 bis

- Falsità materiale del P.U. – art.477 c.p.

- Favoreggiamento personale – art-378 c.p.

- Favoreggiamento reale art.379 c.p.

- Frode informatica – art.640ter co.1-2 c.p.

- Frode in emigrazione art.645 c.p.co.1

- Frode nelle pubbliche forniture – art.356

- Frode processuale – art.374 c.p.

- Frodi contro le industrie nazionali – art.514 c.p.

- Frode nell’esercizio del commercio – art.515 c.p.

- Furto – art.624 c.p.

- Gioco d'azzardo - art.718-719 c.p.

- Impiego dei minori nell’accattonaggio – art.600 octies c.p.

- Incesto – art.564 1 co. C.p.

- Inadempimento di contratti di pubbliche forniture art.355 c.p.

- Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato – art 316 ter

- Ingiuria – art.594 c.p.

- Ingresso abusivo nel fondo altrui – art.637 c.p.

- Insolvenza fraudolenta – art.641 c.p.

- Interferenze illecite nella vita privata – art. 615 bis

- Interruzione di pubblico servizio – art.331 c.p.

- Intralcio alla giustizia – art.377 c.p.

- Introduzione nello Stato e commercio di prodotti falsi – art.474 c.p.

- Introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui – art.636 c.p.

- Invasione di terreni o edifici – art.633 c.p.

- Istigazione a delinquere – art.414 c.p.

- Istigazione a disobbedire alle leggi – art.415 c.p.

- Lesione personale – art.582 c.p.

- Lesioni personali colpose art.590 c.p.

- Maltrattamento di animali – art.544 ter

- Malversazione a danno dei privati – art.315 c.p.

- Malversazione a danno dello Stato – art.316 bis

- Mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice – art.388 c.p.

- Manovre speculative su merci – art.501 bis c.p.

- Millantato credito – art.346 c.p.

- Minaccia – art. 612 c.p.

- Occultamento di cadavere – art.412 c.p.

- Oltraggio a P.U. – art.341 bis

- Oltraggio a un magistrato in udienza art.343 c.p.

- Omessa denuncia di reato da parte del P.U. - art.361

- Omicidio colposo – art.589 c.p. co.1

- Omissione di referto – art.365 c.p.

- Omissione di soccorso – art. 593 c.p.

- Patrocinio o consulenza infedele – art.380 c.p.

- Peculato mediante profitto dell’errore altrui – art.316 c.p.

- Percosse – art. 581 c.p.

- Possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi – art.497 bis co.1.

- Procurata evasione – art.386 co.1

- Procurata inosservanza di pena – art.390 c.p.

- Resistenza a P.U. – art. 337 c.p.

- Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio – art.501 c.p.

- Rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro – art.437 c.p.

- Rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio – art.326 c.p.

- Rivelazione di segreti inerenti ad un procedimento penale – art.379 bis

- Rifiuto di atti d’ufficio.Omissione – art.328 c.p.

- Rissa – art.588 c.p.

- Simulazione di reato – art.367 c.p.

- Sostituzione di persona – art.494 c.p.

- Sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro – art.334 c.p.

- Sottrazione di persone incapaci – art.574 c.p.

- Sottrazione e trattenimento di minori all’estero – art.574 bis

- Stato d’incapacità procurato mediante violenza – art. 613 c.p.

- Traffico d’influenze illecite – art.346 bis

- Truffa – art.640 c.p.

- Turbata libertà degli incanti – art.353

- Turbativa violenta del possesso di cose immobili – art.634 c.p.

- Usurpazione di funzioni pubbliche – art.347

- Uccisione di animali – art.544 bis

- Uccisione o danneggiamento di animali altrui – art.638 c.p.

- Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine – art.516 c.p.

- Vilipendio delle tombe – art.408

- Vilipendio di cadavere – art.410 co.1

- Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza – art 616 c.p.

- Violazione di domicilio art.614 c.p.

- Violazione di domicilio commessa dal P.U. – art. 615 c.p.

- Violazione di sepolcro – art.407 c.p.

- Violazione di sigilli art.349

- Violazione degli obblighi di assistenza familiare – art.570 c.p.

- Violenza o minaccia a P.U. art.336 c.p.

- Violenza privata – art.610 c.p.

- Violenza o minaccia per costringere taluno a commettere un reato – art.611 c.p.

Se dovessero essere veramente questi i reati depenalizzati ci troveremmo di fronte ad una politica scellerata che di fatto autorizzerebbe la commissione dei crimini maggiormente diffusi e che tanto dolore e rovina hanno portato alla gente per bene, con una gravissima instabilità sociale. 
Sempre più schifati ed offesi da queste pseudo politiche sulla sicurezza..

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
4 dicembre 2014 4 04 /12 /dicembre /2014 17:08

pino maniavcicatturandi oltrepresentazione nuovo libro di IMD  : Catturandi : la verità oltre la fiction

LOCANDINA 

18 DICEMBRE A PIACENZA A SOSTEGNO DI TELEJATO 

 

 

CON LA PARTECIPAZIONE:

DELL'AUTORE I.M.D ;

DI FRANCO D'ANIELLO DEI MODENA CITY RAMVBLERS;

 DI ROBERTA MANI  CAPO REDATTORE NEWS MEDIASET E AUTRICE  DEL LIBRO "AVAMPOSTO

PARTECIPERANNO DEL SIAP :

 CHIARAVALLOTI SANDRO

VERARDI WALTERE  

MICHELE RANA.

 MASSIMILIANO BOROTTI:  SEGRETARIO CONFEDERALE UIL E.R.

 

MODERA GIORGIO LAMBRI GIORNALISTA DEL QUOTIDIANO : LIBERTA' 

 


 


Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
29 novembre 2014 6 29 /11 /novembre /2014 15:25

Matteo Renzi crop newPresidente

Chi Le scrive è il rappresentante di un Sindacato di Polizia ( SIAP) di una piccola provincia Emiliana – Piacenza –

Un sindacato che detiene il 49% di rappresentatività dei lavoratori che hanno scelto il Siap in quanto tra le prime caratteristiche di questo sindacato, da me rappresentato , è quello di lottare con tenacia affinchè le norme contrattuali che regolano le relazioni sindacali  siano rispettate in quanto Leggi dello Stato e in quanto strumenti sindacali essenziali per tutelare i sacrosanti  diritti dei lavoratori.

         A Piacenza, noi del Siap, abbiamo difeso tale attività in quanto non inclini ai compromessi di comodo che si barattano spesso contro i diritti dei lavoratori.

         Lo possiamo urlare ai quattro venti.

         Abbiamo dimostrato negli anni di saper usare con tenacia il sistema delle relazioni sindacali affinchè ogni lavoratore possa essere difeso nel diritto dell’uguaglianza aldilà del colore della tessera sindacale che detiene .

         Ma questo ha dato e da fastidio non solo alla parte datoriale, ma anche a chi rappresentate sindacale di altre sigle, usa il silenzio e l’appoggio per ottenere in cambio forse qualche favore personale.

          

 Poi ci si chiede perché il sindacato sta dando nausea ai lavoratori.

 

         Sig. Presidente, fatta questa doverosa premessa, voglio RicordarLe che la S.V. in occasione della minaccia di sciopero dei sindacati di Polizia, fece notare che la categoria dei lavoratori che rappresentiamo sono tutori della Legge e in quanto tali, non dovevamo e non potevamo permetterci di violare la Legge facendo ricorso allo sciopero in quanto non concesso dalla legge stessa.

 

         Bene Sig. Presidente, se la S.V. si è così irritato per la minaccia dello sciopero degli uomini in divisa, dimenticandosi che alcuni di questi possono scioperare, è accettabile che un Questore della Repubblica Italiana violi permanentemente le norme contrattuali – Leggi dello Stato – non convocando i sindacati per la sottoscrizione degli Orari di servizio in delega, per la reperibilità pattizia sopprimendo così l’intervento in reperibilità generico e utile ai colleghi delle volanti che ogni giorno operano per strada, in quanto senza la sottoscrizione delle intese la reperibilità è indirizzata solo ed esclusivamente per le questioni d ordine e sicurezza pubblica.

        

         Pertanto, in conclusione, scusandomi per alcune sfumature, utili a comprendere come il sistema di gestione mi appare “mafioso” , Le comunico che nei prossimi Giorni qualora non si ripristinerà la Legalità delle Leggi presso la Questura di Piacenza, attraverso lo Studio Legale, diffiderò direttamente la S.V., il Ministro degli Interni e il capo della Polizia in quanto, quali rappresentati dello stato Italiano , state permettendo che presso un importantissimo Ufficio Pubblico dello Stato Italiano si possa con spensieratezza violare le Leggi dello Stato laddove il diritto e il rispetto dovrebbero regnare sovrani.

 

IN QUESTO PAESE , pare che i Poliziotti per effettuare le proprie rivendicazioni non possono violare le Leggi in quanto tutori della Legge, ma poi sembra che gli stessi tutori possono essere bersaglio di violenze inaudite dai manifestanti violenti e nel contempo i lori diritti possono essere calpestati dagli Alti dirigenti dello Stato in barba ai principi di democrazia di un Paese che sta forse perdendo ogni dignità in quanto noi, donne e uomini in divisa, sempre più soli a fronteggiare le difficoltà di un Paese alla deriva, mentre pare che il “nemico” sia sempre di più colui che ci dovrebbe tutelare e difendere: LO STATO  .

 

 

Cordialmente

 

 

        

 

 

Il Segretario Generale provinciale SIAP

 

Sandro Chiaravalloti

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
9 novembre 2014 7 09 /11 /novembre /2014 16:50

gruppoBandiere

CHIUSURA POLIZIA POSTALE … OPS :

SPUNTA IL SAP CON AUTOGOL  ……….

 

In questi anni in cui mi sono dedicato al Sindacato, molte problematiche sono state affrontate dal Siap in merito alla fatiscenza di caserme e alle chiusure di alcuni Uffici di Polizia della Provincia e della Scuola di Polizia Piacentina.

         Sono convinto che nessuno mi possa smentire se dico – e lo dico – che il Siap ad ogni passo diretto verso   possibili chiusure di Uffici di Polizia, ha sempre lottato con tenacia.

         Polstrada Fatiscente, Chiusura Scuola Polizia, chiusura presidio posto di Polizia, e oggi chiusura Sezione Polizia Postale .

         Provate a fare ricerca su internet, troverete il Siap determinato a battagliare ogni volta e taluni farlo con moderazione fin troppo moderata da apparire assente e altri assenti del tutto.  Tranne che per la Postale. Che strano.

        Infatti , Guarda caso,  oggi il Sap prende con forza posizione sulla chiusura del Posto di Polizia Postale dove il Segretario lavora , mentre il Sap stesso , per voce del suo segretario, in un recente comunicato, con le sue parole,  ha a nostro parere giustificato la scelta del Questore sulla chiusura del Posto di Polizia dell’ospedale  dichiarandola come sofferta decisione del Questore in considerazione delle scarne risorse umane .

Ma, nella stessa comunicazione, il Sap pubblicizza , con autogol imbarazzante, l’interrogazione parlamentare sulle scarse risorse umane della Questura nella quale , dando  ragione al Siap, si legge che gli Ispettori in questura sono superiori a quelli previsti.   Quindi?

Una interrogazione Parlamentare tesa a richiedere risorse umane  sapendo che, in considerazione dei futuri arruolamenti in polizia , le risorse sono e saranno sempre più scarse e quindi, a mio modesto parere, la stessa interrogazione è stata usata a livello Dipartimentale per giustificare ancor di più la necessità di chiudere la Polizia Postale per recuperare 6 persone .

Noi del Siap, questo sia chiaro, siamo contrari alla chiusura della Polizia Postale, anche se non ci lavoro io, e pertanto confermo il volantinaggio dell’11 novembre anche davanti l’Ufficio Postale in quanto il nostro impegno  è per la  sicurezza dei cittadini e  per difendere i diritti dei  colleghi sempre,  a prescindere del colore della tessera sindacale .

         Vero è che il numero del personale alla Questura è basso, ma non riconoscere che oltre alle responsabilità politiche ci sono anche quelle gestionali locali ,  dove grazie anche a tessere sindacali taluni lavorano  in condizioni di privilegio, si finisce per colpire sempre chi lavora e mai i lavativi .  

 

 

 

Il Segretario Generale provinciale SIAP

 

Sandro Chiaravalloti

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
3 novembre 2014 1 03 /11 /novembre /2014 21:06

gladiatori-2L’Italia un’arena – un Colosseo – e noi Poliziotti  i  Gladiatori usati    per dare spettacolo e distrarre il Popolo dalla miseria, perché oramai siamo il  bersaglio sia  di chi  sta la potere e di chi li vorrebbe prenderli a pedate . E mentre noi , democraticamente , con sacrificio  e con  abnegazione dimostriamo che difendiamo lo Stato a prescindere dal colore politico;  mentre questi si avvicendano tra chi ci sta davanti e chi dietro in una manifestazione,  veniamo  usati prima  come Gladiatori creando condizioni di scontro,  e poi colpevolizzati nello stesso modo in cui i  cristiani lo sono stati da Nerone,  mettendoci al rogo,  crocifiggendoci  e  sbramati da una parte della società assetata di odio e violenza come leoni affamati .  La storia si ripete: I senatori di allora e i Politici di oggi, continuano a governare un Paese dando sfogo alla violenza e all’odio anche perché il calcio stesso è in crisi – non si vince più -  e i videogiochi non danno la stessa soddisfazione di lanciare un sasso ad un uomo in divisa. A volte ho l’impressione che se noi Poliziotti – spero non succeda mai – dovessimo far passare i manifestanti e lasciarli entrare nei palazzi, una volta che si incontrano, si abbraccerebbero. Oramai le questioni di merito in una manifestazione non hanno senso, oramai lo sport nazionalpopolare è quello di creare disordini e dire che la polizia ha sbagliato anche quando sbagli non ce ne sono. Oramai la piazza nessuno la ascolta, ed è questo il vero problema. Non si ascolta il popolo sia che a gornare ci sia Berlusconi o Renzi, la piazza non fa più rumore e l’unica cosa che resta è picchiare il Poliziotto….. Beh, penso che dobbiamo scendere anche noi in piazza, essere noi i sessantottini , è ora che a questi compagni e amici che si avvicendano al potere e nelle piazze facciamo capire che i gladiatori si stanno rompendo i coglioni.

        

Il Segretario Generale provinciale SIAP

 

Sandro Chiaravalloti

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
26 ottobre 2014 7 26 /10 /ottobre /2014 20:06

 

LOGO SIAP 2 POLIZIOTTIDOPO ALCUNI ARTICOLI APPARSI IN MERITO ALLA CHIUSURA DEL POSTO DI POLIZIA DELL'OSPEDALE DI PIACENZA 1 - 2 - 3 -  , IL QUESTORE REPLICA IN DATA ODIERNA ASSICUNRANDO LA PRESENZA DINAMICA. IL SIAP RISPONDE:   La presenza dinamica di un posto di Polizia dichiarata dal Questore Germana,  sino ad ieri presidio, in 31 anni di Polizia, mi mancava. Più che di  presenza dinamica , il Questore dovrebbe parlare di assenza permanente in quanto quello che ha prospettato pubblicamente non si può fare atteso che l’orario di servizio all’anticrimine è diverso dal posto di polizia dell’ospedale.   Quindi prego il Questore di utilizzare meno il sistema tutto italiano e burocratico di dire cose che a mio parere ingannano e offendono l’intelligenza di chi ascolta. Ricordo al questore che ho letto anche la sua disposizione che prevede che un operatore vada in ospedale a ritirare i referti ogni giorno e che questo si espleta in 5 minuti. Alla faccia della presenza dinamica. Un’altra cosa che il questore non dice, o meglio la dice a metà, è che se è vero che le volanti già intervengono presso l’ospedale, è perché nel corso degli anni , e soprattutto di recente, non si è provveduto a sostituire chi è andato in pensione e che questa ulteriore assenza, la matematica non è un’opinione, costringerà le volanti ad intervenire ancor di più . Volanti  già impegnate in modo sproporzionato  da un piano di controllo che non si vuole modificare per “dinamica inerzia” . Pertanto, sta di fatto che si chiude – perché è questa la parola giusta – un posto di polizia a costo zero per mantenere a mio parere  privilegi a  taluni  sindacalisti “vicini” . Comunque, alla presenza dinamica del questore, il Siap risponde  con una manifestazione dinamica in tutta la città per evidenziare quanto in alcune scelte le problematiche, soprattutto del personale delle volanti,  sono locali  e la scusa della crisi, che ha comunque creati disagi, a volte in questa città  non c’entra nulla. Volantinaggio  che tratterà più temi ed  inizierà davanti Il Tribunale di Piacenza, passando per la Prefettura e  per finire davanti l’Ospedale .

 

 

 

Il Segretario Generale provinciale SIAP

 

Sandro Chiaravalloti

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
27 settembre 2014 6 27 /09 /settembre /2014 15:36

pinocch220545 

Caro Ciro , Caro segretario SAP Di Piacenza

 

In riferimento alla tua legittima e democratica replica attinente un mio precedente comunicato e in considerazione del fatto che giustamente lo avete esposto in bacheca  - manca comunque un seconda parte – è giusto evidenziare alcune cose che permetteranno ai lettori di riflettere sul come , sul quando e sul perché.

Preliminarmente, come ben sai, non ho paura di perdere i consensi perché il collega possa scegliere il Sap al posto del Siap ( si chiama libertà) ma ricordati  che io sono un sostenitore del  fatto che bisogna permettere al lavoratore di poter disdire dal  sindacato ad ogni mese dell’anno e non solo ad ottobre. Per questo, ti prego accedere al sito de  ilpiacenza  e ricercare la parola Sap e vedrai come la vostra attività ha una impennata in questi periodi di vendemmia .

Ma ti ammetto che la paura nei consensi c’è davvero,  hai ragione,  in quanto da una parte il lavoratore con il vostro modo di fare può facilmente generalizzare e perdere consenso per il sindacato in genere e,  dall’altra perché la cittadinanza, grazie alle vostre idee che giudico corporativiste e politicizzate, se non Berlusconiane , possa perdere la fiducia in noi come avete fatto con gli applausi del caso Aldrovandi che una intera nazione ci ha quasi seppellito e come quegli applausi hanno creato difficoltà a chi opera ogni giorno su strada. – cosa che di seguito chiarirò meglio –  ma andiamo per ordine e punto per punto:

 

 

Come ben sai , pochi mesi fa, tutti i sindacati abbiamo manifestato davanti la fiera di Milano e io dissi pubblicamente : che bello, nonostante le diversità di vedute, quando ci sono temi importanti e utili per i lavoratori siamo insieme;

Alla fine di agosto, da SOLI avete manifestato e pubblicizzando la manifestazione, smentiscimi se sbaglio, criticando  gli altri aggiungendo e facendo emergere a vostro piacimento  che voi a differenza degli altri scendete in piazza ad agosto mentre altri stanno seduti comodamente a fare sindacato dietro una tastiera ….. fare la vostra battaglia isolata e  smetterla di criticare gli altri non ce la fate? ;

A seguito di quella vostra manifestazione, nulla è successo, il governo tace;

Successivamente,( forse grazie al sap ?  ) Il governo, in barba alla vostra isolata manifestazione fuori del cartello sindacale che oggi chiamate consorteria,  dichiara che sta pensando di allungare il blocco contrattuale e salariale;

Il cartello sindacale, AD ESCLUSIONE DEL SAP – minaccia lo sciopero ricordando che alcune categorie di lavoratori rappresentati  possono scioperare e qualcuno ha dichiarato e ricordato  che le lotte della sindacalizzazione degli anni settanta , hanno avuto la giusta considerazione  grazie a chi si è beccato denuncie ed arresti quando si effettuava il cosiddetto sindacato “carbonaro” per ottenere quella libertà che oggi sia io che tu abbiamo nella sindacalizzazione. NON DIMENTICHIAMOLO . lotte che molti erano e sono pronti a fare ancora se necessario;

Questa presa di posizione del cartello sindacale, ad esclusione del Sap, ha fatto si che , anche con toni accessi, si discutesse  FINALMENTE per una intera settimana sui Giornali, Sulla Tv, sulla Radio ecc… dei nostri problemi che sino ad allora, non avevano avuto ascolto e che oggi grazie a questo, abbiamo ottenuto un tavolo di confronto con il Governo il 7 ottobre. Come andrà? Non lo so, ma quando ci si da un tavolo, bisogna parlare, poi vedremo …. Siamo pronti !

In quel periodo, mentre stavate soli , avete criticato noi con comunicati, con volantini, con vignette e chi ne ha più ne metta, mentre in particolar modo a Bologna il cartello sindacale assumeva una posizione nella quale, come nel resto del Paese, non si concedevano più orari in deroga, reperibilità ecc…. . alle vostre critiche , ai vostri attacchi gratuiti, siamo stati costretti  per legittima difesa,  e e per amor della verità di effettuare un volantino dal titolo: SAPPINOCCHIO per evidenziare punto per punto la vostra incoerenza sindacale, come oggi sto facendo io;  

Mentre noi ottenevamo attenzione da parte del Governo, mentre si incideva, avete effettuato una assemblea sindacale facendo in modo che si percepisse , così abbiamo percepito in tanti, che donavate il sangue attraverso il vostro tempo o  come una sorta di sciopero,  mentre legittimamente si aderiva ai permessi sindacali . Non potevo più tacere, mi spiace, mi sono vergognato al pensare ciò che perceviva la comunità così come per gli applausi al caso Aldrovandi. ! DONARE IL SANGUE E’ UNA COSA SERIA E NULLA HA A CHE VEDERE CON UNA PROTESTA PER IL CONTRATTO DEL LAVORO MENTRE C’E’ CHI DISPERATO IL SANGUE LO HA DATO SULL’ASFALTO PERCHE’ SENZA LAVORO SI E’ SUICIDATO.  Vero, anche i colleghi stanno sudando sangue, ma non bisogna utilizzare il malumore legittimo per  fare a gara chi la spara più grossa per proseliti e illudendo i lavoratori . Non bisogna fare richieste sapendo che non possono essere accettate , ma sono comode a poter dire noi abbiamo chiesto, in questo periodo triste per una intera nazione . Bisogna saper dove ci si può arrivare anche in rispetto di tutte quelle famiglie che il sangue non lo hanno davvero più .  Con ciò, sia chiaro, non sto dicendo che non bisogna effettuare le nostre lagnaze, ci mancherebbe, ma per cortesia non strumentalizziamo il malessere dei colleghi e chi il sangue lo aspetta davvero per una qualsiasi malattia grave. Per la donazione del sangue, come sai, lo Stato ti da un giorno di permesso , solo che dopo devi presentare la documentazione che lo hai dato davvero. Perché non aderire a quel permesso? Perché poi TUTTI, e non pochi , avrebbero dovuto darlo davvero? Mi vergogno di questo, e per questo che sono intervenuto, perché qua la faccia con le vostre campagne la perdiamo tutti , come il fatto che ad una manifestazione organizzata dai colleghi a Roma,  senza nessuna sigla sindacale, vi siete presentati da loro – come “portoghesi” – e mi risulta vi abbiano fischiato e vi hanno gridato Disdette disdette … ed ecco come a rimetterci siamo tutti.

 

 PER QUESTO VI FACCIO DELLE CRITICHE, PER PRENDERE DISTANZA DA VOI IN QUANTO COSI’ FACENDO CREDO SI DIA DAVVERO CREDIBILITA’ ALLA CATEGORIA E ALLE GIUSTE RIVENDICAZIONI…..

 ;

Sul caso Aldrovandi, avete applaudito, non confondere le cose per cortesia,  perché ricordati che in un primo momento Tonelli aveva difeso quella azione e poi ora ti arrampichi sugli specchi? ;

Sulla Spy Penn , lo sai che un collega , la notizia è uscita sui giornali, è stato punito per aver fatto una registrazione con uno strumento non in dotazione?  Speriamo non abbia fatto quello che ha fatto perché influenzato da quello che voi avete pubblicizzato;

Sulla vostra assenza ad Arcore, sto parlando di quando dovevamo essere tutti insieme, come cartello, e all’ultimo abbiamo dovuto cambiare il volantino  in quanto voi non c’eravate – eravate scappati -  Sto parlando di quando Berlusconi è uscito e ci ha incontrato e l’intervista è andata in onda sulla rai da Santoro …. Che strano, il Tg 4 , come quando manifestammo contro Prodi, non c’era….. sai perfettamente  cosa voglio dire, e far finta di nulla cercando di confondere le idee mettendo in risalto una altra manifestazione, non solo non ti da onore sindacale, ma  fa comprendere la vostra credibilità sindacale.  Se in quella manifestazione c’eravate, queste sono le mie dimissioni!

 

A presto Amico Mio , con affetto.

Il Segretario Generale provinciale SIAP

                                                                                       Sandro Chiaravalloti

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento
9 settembre 2014 2 09 /09 /settembre /2014 18:32

strillone1.jpgLe proteste , le  rivendicazioni legittime, democratiche e non violente del Siap e di tutte le altre OO.SS. di Polizia  non sono ne ricatti e ne toni alti; ma sono urla di dolore tese a sensibilizzare chi  fa finta di non sentire in quanto, è bene ricordarlo, mesi fa tutti i sindacati di Polizia  hanno manifestato a Milano – c’eravamo pure noi da Piacenza – davanti la fiera  con scarsa attenzione giornalistica e della Politica.  Siamo stati  costretti a rivendicare lo sciopero anche se non consentito dalle leggi assurde di questo Paese, uno sciopero regolamentato che garantisca i servizi essenziali – esempio 113 soccorso pubblico -  , rischiando denunce e problemi lavorativi così come hanno subito i colleghi che effettuavano il sindacato “carbonaro” negli anni settanta quando la sindacalizzazione non era consentita e che grazie a loro , grazie a quello che hanno passato con arresti e denunce, oggi possiamo rivendicare democraticamente le nostre aspettative. Ho sempre rivendicato il diritto di sciopero per la Polizia di Stato così come fanno i medici garantendo il servizio al pronto soccorso. Penso questo sia il momento di rilanciare nelle riforme di quella legge 121 che prevede anche un unico coordinamento, un unico responsabile dell’ordine pubblico, e quindi un unico ministero che vuol dire risparmio, coordinamento vero, maggior sicurezza. Questo è il momento , questa è l’occasione per ritornare a lotte democratiche rischiando anche di persona ,ma senza nessun atto di violenza,  ma atti tesi a sollevare questioni ferme da 30 anni attraverso scioperi e consegne in caserma. Del resto, stiamo chiedendo di lavorare, stiamo chiedendo di servire meglio il cittadino, stiamo chiedendo  riforme che possano consentire risparmio sulla spesa pubblica ed efficienza. La sconfitta è che per ottenere questo dobbiamo urlare . Una sconfitta da parte di uno Stato che non sa difendere i sui uomini in divisa nel suo territorio , figuriamoci se è capace di difenderli per  garantire loro  un processo veloce e giusto  in India . un Paese che ha posto le sue attenzioni al mare nostrum  per una occupazione più che una integrazione, dimenticando che i poliziotti che svolgono il servizio in quelle condizioni, stanno a contraendo virus pericolosi per loro e le loro famiglie. I servizi aumentano, i pericoli aumentano, le responsabilità aumentano, e le nostre tasche sono vuote anche di quelle specificità che nulla hanno a che fare con il contratto , ma che sono la conseguenza naturale di maggiori responsabilità lavorative che ai magistrati sono stati riconosciuti.

 

Il Segretario Generale provinciale SIAP

 

Sandro Chiaravalloti

Repost 0
Published by Siap Piacenza - Sindacato Polizia - - in COMUNICATI
scrivi un commento

Presentazione

  • : SIAP PIACENZA
  • SIAP PIACENZA
  • : SINDACATO ITALIANO APPARTENENTI POLIZIA: IL SINDACATO DELLE POLIZIOTTE E DEI POLIZIOTTI
  • Contatti

Profilo

  • Siap Piacenza - Sindacato Polizia -
  • SINDACATO ITALIANO APPARTENENTI POLIZIA
SEGRETERIA PROVINCIALE DI
PIACENZA
  • SINDACATO ITALIANO APPARTENENTI POLIZIA SEGRETERIA PROVINCIALE DI PIACENZA

Archivi